Catamarano AQUACAT 17 - Workship.IT

Vai ai contenuti

Menu principale:

Catamarano AQUACAT 17

Imbarcazioni
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship

CARATTERISTICHE
Dimensioni e prestazioni principali:
lunghezza fuori tutto:ca 17,00 m.;
larghezza scafo:ca 6,12 m.;
altezza di costruzione:ca 2,2/2,5 m.;
immersione a pieno carico:ca 0,85 m.;
portata lorda:ca. 10/19 t.;
velocità a pieno carico: 8-9 nodi;
capacità totale gasolio:ca. 5000lt;
capacità acqua dolce:ca. 400 lt.;
Spazio di lavoro sul ponte:ca. 75 mq;

Servizio: Unità di appoggio per impianti di Maricoltura
Tipo di Navigazione: Entro 6 miglia dalla costa
Regolamento di riferimento: Registro Italiano Navale (RINA)
Tipo di Certificazione: Annotazioni di Sicurezza

Caratteristiche fisiche generali:
Imbarcazione a forma di catamarano, con ponte coperta piano, continuo da poppa a prora, composto con lamiere mandorlate antisdrucciole. A proravia una muratina di protezione, altezza da 800 a 1000 mm. Ad ognuna delle due sezioni di scafo del catamarano, a poppavia, è applicata una pinna di deriva con l’astuccio degli assi portelica e calcagnolo per il supporto dei timoni.
In coperta, a proravia, è collocata la tuga destinata ad ospitare la stazione di governo ed un locale igienico. A poppavia, in coperta è collocata la Gru di Servizio. All’interno lo scafo è suddiviso in quattro compartimenti mediante tre Paratie Stagne trasversali.

A. SCAFO


Lo scafo e la sovrastruttura sono costruite in lega di alluminio del tipo 5083 con struttura di tipo longitudinale ed elementi rinforzati trasversali distanziati di 1 m uno dall’altro. La struttura del p.te di coperta e del fondo sono opportunamente rinforzate in corrispondenza, rispettivamente, della gru e dei motori di propulsione. Gli elementi di rinforzo longitudinali e trasversali sono costituiti da piatti ricavati da lamiera.

B. ALLESTIMENTO


• PARABORDI


Su entrambi i fianchi esterni piani dello scafo sono sistemati bottazzi reggiurto formati da mezzi tubi in LL saldati a fasciame, a filo del ponte di coperta. (Possono essere applicati, a richiesta del Cliente, altri tipi di parabordo, in gomma, legno, gomme di auto/camion)

• PITTURAZIONE E PROTEZIONE PITTURAZIONE:


a) Carena . Ciclo epossidico : 1 mano di primer, 3 di fondo e 2 di antivegetativa (a richiesta del Cliente, il ciclo di pitturazione può essere esteso anche alle seguenti superfici:
b) Esterno murate e muratine: Ciclo epossidico, con finitura poliuretanica : 1 mano di primer, 3 di fondo e 1 di smalto;
c) Interno muratine, ringhiere ed esterno tuga. Ciclo epossidico, con finitura poliuretanica : 1 mano di primer, 3 di fondo e 1 di smalto;
d) Sovrastruttura interna. Ciclo epossidico ad acqua : 2 mani di fondo e 1 di smalto)

• PROTEZIONE CATODICA:


n° 24 anodi da 1,8 kg a scafo e n° 4 anodi da 0.5 Kg alle pale timoni.

• COIBENTAZIONI


Nel locale A.M., in corrispondenza delle casse nafta, è eseguita la coibentazione tagliafuoco, di classe A 60, omologata e a soddisfazione del RINA.

• ARREDI


La consolle della timoneria è realizzata in lega di alluminio e verniciata come l’interno della sovrastruttura I soffitti della timoneria e dello spogliatoio, le paratie interne della sovrastruttura sono a vista e pitturate come indicato al precedente punto.
Il locale igienico/spogliatoio è dotato di doccia e wc, con piano di calpestio in lamiera antisdrucciolo uguale a quella del p.te di coperta. Nel locale è sistemato un piccolo lavamani. Rubinetteria di tipo standard.

• PORTELLERIA


Finestrini :
a) n° 2 laterali sul frontale, fissi;
b) n°1 centrale sul frontale, fisso;
c) n°1 poppiero, con vetro apribile.
d) n° 1 nel locale spogliatoio/igiene, laterale con vetro apribile.
Porte:
a) n°2 di accesso alla timoneria in alluminio, munite di serratura, con finestrino a vetro apribile
b) n°1 porta di accesso allo spogliatoio in compensato marino
Tergicristallo:
n°1 a pantografo per il vetro centrale del frontale Portellini:
n° 6 portellini stagni in coperta, con mastra, incernierati, dimensioni 600x600, in alluminio, per la discesa entro i compartimenti; n° 2 portellini stagni in coperta, a paro, imbullonati, dimensioni 600x600, in alluminio, per la discesa nelle cale di prora.
Passi uomo: Tutte le casse sono provviste di passo d’uomo/portello per ispezione ;
Portelloni: n° 2 portelli stagni in coperta, a paro, imbullonati, smontabili per sbarco motori di propulsione.


• PASSERELLE E SCALE


Sono sistemate n° 8 scale verticali di accesso ai locali sottoponte.
Sullo specchio di poppa è posizionata 1 piattaforma per accesso sommozzatori, costituita da un telaio in lega di allumino e piano di calpestio in lamiera antisdrucciolo. Un numero adeguato di tarozzi saldati sullo specchio per accesso sul p.te di coperta e viceversa. Sono inoltre previsti tarozzi per accesso al tetto tuga.

• RINGHIERE E GUARDACORPO


Sul p.te di coperta è sistemata una ringhiera realizzata in tubi di alluminio saldati tra loro ed al ponte stesso. Come riportato sui Piani Generali, nella zona di imbarco e di lavoro su entrambi i lati dell’imbarcazione sono predisposti candelieri con catenelle, facilmente smontabili.

• MEZZI DI SALVATAGGIO


Sono sistemati tutti i mezzi di salvataggio individuali e collettivi previsti del Regolamento di Sicurezza in relazione al Servizio ed alla Navigabilità dell’imbarcazione.

• MEZZI DI SICUREZZA


a)Il locale A.M. è dotato di un impianto di estinzione incendio regolamentare e omologato RINA;
b)avvisatori incendio: il locale A.M. è dotato di un impianto avvisatori d’incendio regolamentare;
c)estintori portatili: sono sistemati gli estintori previsti dal RINA in relazione al Servizio ed alla Navigabilità dell’imbarcazione;
d)impianto antincendio ad acqua: è sistemato un impianto fisso di estinzione incendi regolamentare ad acqua di mare, con un idrante ed uno in Sala Macchine.

• VENTILAZIONE


a)Locale A.M.: Sono sistemati n° 2 ventilatori da ca. 4000 mc/h di capacità e n° 2 estrattori da 2500 mc/h, per l’alimentazione aria ai M.P. e lo smaltimento del calore irradiato.
Le prese e gli scarichi d’aria sono munite di portello di chiusura e rete filtrante.

• MACCHINARI E AUSILIARI E TUBAZIONI


a)Impianto sentina: è installato un impianto di sentina conforme al Regolamento del Rina costituito da n°1 e/p centrifuga autoadescante, n°1 pompa manuale collegate a due collettori di aspirazione. Valvole di intercettazione per ogni locale sotto coperta, scarico fuori bordo con valvola di non ritorno. Le tubazioni sono realizzate in acciaio inox.
Sono inoltre installate n° 2 pompe ad aspirazione diretta, funzionanti automaticamente tramite galleggiante, per i locali motori, con scarico a mare diretto mediante tubo flessibile.
b)Impianto incendio: tramite valvola di aspirazione dal mare e relativo filtro, la e/p di sentina sopra descritta alimenta l’impianto fisso di estinzione incendio. Tubazioni in acciaio inox;
c)Impianto acqua dolce d’igiene/lavanda: l’impianto è costituito da cassa in alluminio, un’autoclave, una serie di tubazioni in PVC per la distribuzione dell’acqua agli utenti (wc, doccia e lavello) tramite valvole e/o rubinetti. Le tubazioni sono predisposte per un futuro inserimento di un boiler da parte del Committente.
d)Sfoghi aria delle casse : Sono previsti tubi in coperta, ad altezza regolamentare, con griglia parafiamma e piattello di chiusura a contrappeso, ove necessario.
e)Impianto gasolio : Sono previste n° 2 Casse di Servizio e n° 2 Casse di Riserva. Rifornimento tramite tappi stagni posti a paro in coperta. Il travaso e la comunicazione tra le casse viene effettuato tramite pompa elettrica e tubazioni in rame o acciaio. L’alimentazione e riflusso motori sarà diretta sulle casse di servizio, mediante valvole e tubi in rame o acciaio, le valvole sotto battente sono del tipo a chiusura rapida azionate dall’esterno. Le casse di servizio sono munite di telelivello elettrico con indicatore in timoneria.
f)Scarichi: gli scarichi fuori bordo delle acque nere e grigie sono realizzate con tubazioni in PVC, posizionati sopra il galleggiamento all’interno del tunnel tra i due scafi e avranno passa scafo con adeguate guarnizioni in teflon per evitare contatti con lo scafo.
g)Oleodinamica gru : La gru, la pompa dell’olio e la cassa di raccolta olio sono collegati mediante tubi flessibili e/o tubi in acciaio nero ad alta pressione con interposizione di filtro sul tubo di ritorno in cassa. La cassa di raccolta è provvista di tappo d’imbarco diretto ed indicatore di livello locale.
h)Oleodinamica Timoni : Il collegamento tra pompa in timoneria e cilindri di azionamento è effettuato mediante tubi di rame e valvola by-pass.

• MEZZI DI SOLLEVAMENTO E ALBERI


a)Una gru a funzionamento idraulico, capacità 10 TM (a richiesta del Cliente possono essere installate gru con capacità fino a 18 TM) è sistemata centralmente nella zona poppiera del p.te di coperta. L’impianto idraulico è costituito da una pompa idraulica trainata con accoppiamento diretto mediante innesto meccanico ad uno dei due motori di propulsione, cassa di espansione olio idraulico e filtro di linea. L’innesto della pompa dell’olio è possibile, oltre che localmente, anche mediante cavo flex con leva, posta in prossimità della gru.
b)Un albero porta fanali, proiettore, tromba ed eventuali apparati navigazione, costruito con tubi in alluminio, è sistemato sul tetto della timoneria

• ORMEGGIO


Sul p.te di coperta sono saldate n°4 bitte (2 a prora e 2 a poppa) costruite con tubi e piastre di rinforzo in alluminio. Due passacavi, saldati sulla murata di prua, realizzati con tondo in alluminio.
Ancore, catene e cavi ormeggio in accordo con quanto previsto dal Regolamento del RINA.

• TIMONI E GOVERNO


L’impianto di governo dell’imbarcazione, di tipo idraulico è costituito da:
a)n° 2 timoni in acciaio inox di tipo sospeso completi di aste ;
b)n° 2 barre di accoppiamento;
b)n° 2 losche in lega di alluminio saldate a scafo;
c)n° 2 cilindri idraulici a doppio effetto con flessibili di collegamento alle tubazioni;
d)n° 1 pompa idraulica manuale, azionata con la ruota del timone;
e)n° 1 ruota del timone;
f)tubazioni in rame.

• IMPIANTO ELETTRICO


La produzione di energia elettrica, a 24 Volt, è effettuata dai 2 generatori, della capacità di 80 A, trainati dai Motori di Propulsione.
I 2 Generatori alimentano due gruppi di Batterie di Servizio, di capacità adeguata, che, oltre all’avviamento dei motori, alimenta i servizi essenziali e/o di emergenza attraverso un quadro di distribuzione sistemato in timoneria. I Generatori provvedono inoltre ad effettuare la carica di un Gruppo di Batterie di Emergenza di capacità regolamentare, collegato agli utenti di emergenza attraverso il quadro di distribuzione. Un carica-batterie somministra, in porto, la carica alle batterie stesse.
La rete di illuminazione è costituito da:
a)n° 4 corpi illuminanti nei locali A.M. (2 per locale);
b)n°2 corpi illuminanti in ogni altro compartimento sottocoperta;
c)n°1 corpo illuminante a soffitto nello spogliatoio;
d)n°1 corpo illuminante a soffitto in timoneria
e)n°2 proiettori per illuminazione zona di lavoro in coperta.
f)N°1 proiettore di ricerca fissato sull’albero porta fanali.

• APPARATI DI NAVIGAZIONE


Sono previsti:
a)n° 1 bussola magnetica omologata dal RINA;
b)N° 1 Impianto Ecosonda ( a richiesta del Cliente possono essere installati altri Apparati, quali: Radar, GPS, Stazione Vento, ecc.)

• APPARATI DI SEGNALAZIONE


Sono previsti:
a)n° 1 tromba singola, omologata RINA
b)n° 1 serie di fanali di navigazione regolamentari.
c)I necessari razzi e fuochi, come richiesto dai Regolamenti.

C. MOTORE


• PROPULSIONE


Sono installate n°2 linee di propulsione, ognuna composta da:
a) n°1 motore principale IVECO-AIFO N67 MNAM15
b) n°1 riduttore/invertitore, marca TWIN DISC, modello TM 170 A con rapp. riduzione 1:2,6
c) n°4 supporti antivibranti;
d) n°1 flangia di accoppiamento;
e) n°1 giunto elastico tipo Bullflex;
f) n°1 asse portelica in acciaio inox di diametro regolamentare;
g) n°1 boccola idrolubrificata;
h) n°1 tenuta asse portelica;
i) n°1 astuccio in alluminio saldato a scafo;
l) n°1 elica a 4 pale in bronzo.
m)Un pannello strumenti ed indicazioni, che consente la visualizzazione dei principali dati di funzionamento dei motori stessi.
E’ previsto il telecomando dei Motori dalla consolle Timoneria e da una postazione esterna tramite leve e sistema di cavi flex.

• AUSILIARI E TUBAZIONI A.M.


Sono realizzati i seguenti impianti:
a)Impianto raffreddamento motori: per ogni motore, dotato di propria pompa trascinata, è previsto un impianto di raffreddamento indipendente composto da una valvola di presa a mare, un filtro di presa a mare e valvole di intercettazione, scarico a mare mediante tubo scarico gas. Il collegamento ai motori è con giunti flessibili. Tubazioni in CuNi. L’impianto alimenta anche il servizio di idrolubrificazione linee d’assi.

b)Scarico gas motori: le linee dei gas di scarico dei motori di propulsione, di tipo bagnato, dotata di marmitta, è realizzate con materiale omologato dal RINA (tubazioni flessibili) ed in accordo con le indicazioni fornite dal costruttore dei motori stessi.

DISEGNI DI RIFERIMENTO

a)“Piani Generali”;

REGOLAMENTI APPLICATI

a)“Regolamento ai fini del rilascio e del mantenimento del Certificato delle Annotazioni di Sicurezza” del RINA;

 
logonova

Richiedi Informazioni a:

info@workship.it



Cantieri Navali NOVA
VIA AURELIA 75/A
17047 VADO LIGURE (SV)

LUNGOMARE MATTEOTTI
7100 SAVONA

TEL: 019 881506
FAX 019 2165017
CELL 347.4126063

Note:
1) Il costruttore si riserva la possibilità di apportare  modifiche migliorative ai disegni di costruzione e/o alla progettazione generale dell'imbarcazione, proponendoli comunque sempre in contradittorio con il cliente.

2) Saranno accolte, inserite in progetto e portate a realizzazione tutte le eventuali richieste formulate dal cliente circa possibili modifiche ad ambiti e/o dotazioni dell'imbarcazione al fine di renderla il più possibile "personalizzata" rispetto alle esigenze di servizio.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu