Rimorchiatori 10,5 mt - Workship.IT

Vai ai contenuti

Menu principale:

Rimorchiatori 10,5 mt

Imbarcazioni
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship
logoworkship

CARATTERISTICHE

Lunghezza fuori tutto: 10,50 m.;
Larghezza scafo: 3,00 m., massimo 3,20 m;
Altezza di costruzione: ca 1,85 m.;
Immersione max.: ca 1,20 m.;
Velocità max.: non inferiore a.11,00 nodi;
Tiro al punto fisso, con tolleranza del 5%: 5,00 tons;
Capacità totale gasolio: ca. 4000lt;

Lo scafo, mediante tre paratie stagne trasversali, sarà suddiviso in quattro compartimenti destinati ad ospitare il locale Apparato Motore ed i locali tecnici per macchinari e componenti degli impianti di bordo.
Sulla coperta sarà sistemata una tuga, in cui sarà ubicata la consolle di governo e controllo In coperta, a poppavia della tuga sarà sistemato il gancio di rimorchio con idoneo basamento di appoggio saldamente collegato a scafo.
Due derive, opportunamente dimensionate per proteggere le eliche ed i timoni, conterranno gli astucci ed i mantelli delle eliche.

A. SCAFO


Lo scafo e la tuga saranno costruite in lega di alluminio del tipo 5083/H111.
La struttura del ponte di coperta e del fondo saranno opportunamente rinforzate in corrispondenza, rispettivamente, del gancio di Rimorchio e dei Motori di Propulsione.
Gli elementi di rinforzo longitudinali e trasversali saranno costituiti da piatti ricavati da lamiera. Il piano di calpestio del Ponte di Coperta sarà in lamiera mandorlata con proprietà antiscivolamento.
Le pareti longitudinali ed il tetto della tuga saranno prolungati verso poppa, in misura e profilo da concordare con la Compagnia Armatrice.
La muratina sarà piena e di altezza opportuna ai fini della sicurezza delle persone.
L’impavesata dovrà avere altezza di circa 1.000 mm anche a poppa.
Sarà disposto l’Emblema della Compagnia in forma e posizione opportuna.
L’esecuzione della struttura sarà conforme ai Piani approvati dal RINA

B. ALLESTIMENTO

• PARABORDI


Come rappresentato nel Piano Generale, sarà previsto un bottazzo reggispinta in gomma cava di opportuna durezza e profilo a “D”, contenuto tra due piatti, per tutto il perimetro dello scafo.
A prora saranno sistemati cilindri cavi in gomma di vari diametri, posti in senso verticale, adatti alle operazioni di spinta. La parte di estrema prora avrà una superficie di contatto più estesa in altezza e larghezza e sarà di materiale adeguato per garantire una buona durata nel tempo.

• PITTURAZIONE E PROTEZIONE CATODICA


-Pitturazione:
a) Carena Ciclo epossidico : 1 mano di primer, 3 mani intermedie e 2 di antivegetativa;
b) Esterno murate, esterno ed interno muratine Ciclo epossidico, con finitura poliuretanica : 1 mano di primer, 3 di fondo e 1 di smalto;
c) Esterno tuga. Ciclo epossidico, con finitura poliuretanica : 1 mano di primer, 3 di fondo e 1 di smalto;
d) Interno tuga. Ciclo epossidico ad acqua : 2 mani di fondo e 1 di smalto;
I prodotti vernicianti saranno della International Paint. La preparazione delle superfici, le modalità di applicazione, gli spessori delle mani, saranno conformi alle indicazioni del Fabbricante e verificate da proprio Tecnico.

-Protezione catodica
N° 8 anodi da circa 2 kg a scafo e n° 4 anodi da 0.5 Kg applicati alle pale dei timoni, n° 4 anodi da 0,5 kg applicati ai mantelli.
-Saranno adottati gli opportuni accorgimenti per evitare contatti dello scafo in alluminio con altri metalli e corrosioni dovute a correnti vaganti.

• COIBENTAZIONI


Nel locale A.M., dove richiesto dai Regolamenti, sarà eseguita la coibentazione tagliafuoco.

• ARREDI


La consolle della timoneria sarà realizzata in lega di alluminio e sarà verniciata come l’interno della sovrastruttura
Il soffitti e le paratie interne della tuga saranno a vista e pitturate come indicato al precedente capitolo B0200. Sarà previsto un ripiano abbattibile in timoneria per uso scrivania.

• PORTELLERIA


Finestrini Tuga :
a) n° 3 sul frontale, fissi;
b) n°2 laterali , fissi;
c) n°2 laterali, con vetro apribile.
d) n°1 nella parete poppiera, fisso.
I finestrini avranno la luce più ampia possibile, sia in larghezza che in altezza.
Tergicristallo : n°1 a pantografo per i finestrino del frontale
Porte Tuga :
n° 1 di accesso alla timoneria, in alluminio, munita di serratura, con finestrino a vetro apribile
Portellini :
n°3 portellini in coperta, stagni, incernierati, dimensioni circa 500x600, in alluminio;
Portelloni:
n° 2 portelli a paro in coperta, stagni, imbullonati, smontabili per eventuale sbarco motori di propulsione.
Passi uomo:
Ogni cassa sarà provvista di portello di accesso/visita.

• PASSERELLE E SCALE


Saranno sistemate n° 3 scale verticali di accesso ai locali sottoponte.

• MEZZI DI SALVATAGGIO


Saranno sistemati tutti i mezzi di salvataggio individuali e collettivi previsti del Regolamento di Sicurezza in relazione al Servizio ed alla Navigabilità dell’imbarcazione.

• MEZZI DI SICUREZZA


a)Impianto fisso di estinzione incendio: il locale A.M. sarà dotato di un impianto “Max Marine System” della Minimax, omologato RINA;
b)Avvisatori incendio: il locale A.M. sarà dotato di un avvisatore d’incendio regolamentare con segnalazione in timoneria.
c)Estintori portatili: saranno sistemati gli estintori previsti dal RINA in relazione al Servizio ed alla Navigabilità dell’imbarcazione;
d)Impianto antincendio ad acqua: sarà sistemato un impianto fisso di estinzione incendi regolamentare ad acqua di mare, con sbocco in coperta, completo di cesto porta manichetta, manichetta e spingarda. Lo stesso idrante potrà essere utilizzato per lo spegnimento a terzi con alimentazione da pompa condotta da un Motore di Propulsione.

• VENTILAZIONE


Nel locale A.M.: Sarà installato n°1 ventilatore e n°1 estrattore per fornire la necessaria alimentazione d’aria ai motori e consentire lo smaltimento del calore irradiato dai motori stessi.
Le prese e gli scarichi d’aria saranno protette da telaio di alluminio verniciato con rete antitopo e saranno muniti di portelli di chiusura manuale dall’esterno in caso di incendio.
Conforme ai requisiti di sicurezza, l’arresto di emergenza dei ventilatori di macchina, delle valvole intercettazione nafta e della pompa di travaso gasolio dovrà essere posto in plancia.
. I compartimenti sotto coperta : Saranno provvisti di circolazione aria naturale mediante tubi con collo d’oca in coperta.

• IMPIANTI AUSILIARI E TUBAZIONI SERVIZIO NAVE


a)Impianto sentina: sarà installato un impianto di sentina conforme al Regolamento del Rina. Le tubazioni saranno realizzate in acciaio inox ed accessori in bronzo. Nel locale macchine e nella cala nostromo a prora dovrà essere sistemata almeno una pigna di aspirazione per locale ed un avvisatore di livello di sentina.
b)Impianto idrico antincendio nave: tramite valvola di aspirazione dal mare e relativo filtro, la elettropompa di sentina alimenterà l’impianto fisso estinzione incendio, costituito da una valvola per idrante posta in coperta, completa di manichetta e lancia. Tubazioni in acciaio inox e accessori in bronzo.
c)Impianto zavorra : per la eventuale correzione dell’assetto sarà predisposto deposito che sarà servito dalla pompa di sentina/incendio, mediante tubazioni in acciaio inox.
d)Impianto incendio per terzi : tramite valvola di aspirazione dal mare e relativo filtro, una pompa da 20 mc/h e 85 mt di prevalenza alimenterà l’impianto di estinzione incendio per terzi utilizzando l’idrante in dotazione per l’estinzione incendio nave. La pompa sarà accoppiata alla presa di forza di uno dei due motori mediante innesto elettromagnetico con comando dalla timoneria.
e)Impianto lavanda e igiene : l’impianto sarà costituito da una cassa, un’autoclave, tubazioni in PVC per la distribuzione dell’acqua ad una presa in coperta e alla tazza wc. nel locale igiene. La sistemazione di detto locale sarà nel compartimento a proravia del locale A.M.
f)Sfoghi aria delle casse : Saranno previsti tubi in coperta, ad altezza regolamentare, con griglia parafiamma e piattello di chiusura a contrappeso, ove necessario.
g)Impianto gasolio : L’imbarco avverrà tramite appositi terminali in coperta. L’eventuale necessità di travaso e la comunicazione tra le casse sarà effettuata tramite pompa elettrica, alimentata a 24 V, e tubazioni in rame. L’alimentazione e riflusso motori saranno diretti da e alle casse, realizzati mediante valvole e tubi in rame; le valvole sotto battente saranno del tipo a chiusura rapida azionate dall’esterno. Le casse saranno munite di telelivello elettrico con indicatore in timoneria.
h)Ombrinali coperta : I portelli a paro della coperta saranno muniti di canaletta di raccolta con attacco da 1” e collegamento f.b. mediante tubo flessibile e passascafo.
i)Oleodinamica Timoni : Il collegamento tra pompa in timoneria e cilindri di azionamento sarà effettuato mediante tubi di rame e valvola by-pass.
j)Passascafo: gli scarichi fuori bordo e le prese avranno passascafo con apposite speciali guarnizioni in teflon per evitare contatti con lo scafo.

• ALBERO


a)Un albero porta fanali, su cui sarà sistemato il proiettore di ricerca e la tromba, costruito con tubi in alluminio, sarà sistemato sul tetto della tuga

• ORMEGGIO E RIMORCHIO


a) Bitte, Passacavi, Gallocce e Cavi Sul ponte di coperta saranno saldate n°4 bitte (2 a prora e 2 a poppa) costruite con tubi e piastre di rinforzo in alluminio. Inoltre sarà prevista una bitta a croce a prora, saldamente ancorata alla muratina. N° 4 passacavi, saldati sulla murata di prua e poppa, saranno realizzati con tondo in alluminio. Gallocce in quantità e caratteristiche adeguate, saranno strategicamente collocate in coperta. Saranno previsti cavi di ormeggio e tonneggio nella quantità e caratteristiche previste dall’Armamento Marinaresco del Regolamento RINA.
b) Ancoraggio Saranno previste n° 2 ancore tipo Hall, del peso regolamentare. Ogni ancora sarà dotata di 10 mtl di catena senza traversino,del calibro di 10 mm., munita di girello e maglia scomponibile. Il quantitativo e le caratteristiche delle ancore e catene sarà in conformità a quanto previsto dall’Armamento Marinaresco del Regolamento RINA. Le ancore saranno movimentate da un salpancore elettrico verticale, alimentato a 24 V,della potenza di 700/800 Watt, tiro max istantaneo di 700 kg, provvisto di ruota ad impronte e campana di tonneggio.
c) Rimorchio Per le operazioni di rimorchio sarà previsto un gancio in acciaio zincato, del tipo a scollegamento rapido, della capacità SWL di 5 tons, provvisto di Certificato di Collaudo RINA. Il gancio avrà la possibilità di brandeggiare e sarà ancorato ad un basamento in coperta.

• TIMONI E GOVERNO


L’impianto di governo dell’imbarcazione sarà di tipo idraulico e sarà costituito da:
a)n° 2 timoni in alluminio completi di aste, appoggiati al calcagnolo ;
b)n° 2 barre di accoppiamento;
c) n° 2 losche in lega di alluminio saldate a scafo;
d) n° 1 o 2 cilindri idraulici a doppio effetto con flessibili di collegamento alle tubazioni;
e) n° 1 pompa idraulica manuale, azionata con la ruota del timone;
e)n° 1 ruota del timone;
f)tubazioni in rame.
Sarà prevista la manovra di emergenza con barra manuale.

• IMPIANTO ELETTRICO


-L’impianto elettrico sarà realizzato conformemente al Regolamento RINA in relazione alla classe ed alla navigabilità dell’imbarcazione.
-La produzione di energia elettrica sarà effettuata da 2 alternatori, della capacità di circa 80 A, trainati dai motori di propulsione e sarà a 24 Volt. -Inoltre, saranno previsti pannelli solari per il mantenimento della carica delle batterie, capacità 64W. -Un gruppo di batterie di appropriata capacità, salvo prescrizioni diverse del RINA, oltre all’avviamento dei motori, alimenterà i servizi attraverso un quadro di distribuzione sistemato nella tuga di comando.
-In conformità con i Regolamenti, sarà anche prevista una batteria di emergenza dedicata ai servizi essenziali indicati dal RINA, installata fuori dal locale AM.
-Un carica batterie, alimentato da una presa da terra a 220 V, provvederà a mantenere, in porto, la carica delle batterie servizi/avviamento dei motori di propulsione.
-L’impianto di illuminazione sarà costituito da:
a)n°4 corpi illuminanti nel locale A.M. ;
b)n°1 corpo illuminante in ogni altro locale sottocoperta;
c)n°1 corpo illuminante a soffitto in timoneria
d)n°2 proiettori per illuminazione zona di lavoro in coperta.
e)n°1 proiettore di ricerca fissato sull’albero porta fanali, del tipo telecomandato, azionato dalla consolle in Timoneria.
-Nella consolle di plancia sarà prevista la seguente strumentazione e segnalazioni e comandi :
a) Pannelli Motori, provvisti di start/stop, indicatori ed allarmi di funzionamento
b) Leve per cavi telecomando giri e marcia Motori
c) Inserimento pompa antincendio per terzi
d) Indicatori livello casse fuel
e) Allarmi visivi singoli per livello sentina dei compartimenti
f) Allarme sonoro (cicalino), raggruppato per livello sentina compartimenti
g) Pannello comando e controllo estinzione incendio locale AM.
h) Pannello Luci di Navigazione
i) Bussola magnetica
j) Radar
k) VHF
l) Comando Tromba
m) Comando proiettore di ricerca
n) Comando Tergicristalli
o) Voltmetri e Amperometri Batterie
p) Ohmetri su circuito avviamento motori
q)N.2 prese a 220 V 50 Hz in timoneria (mediante sistemazione inverter da 1,5 Kw, per uso continuativo).

• APPARATI DI NAVIGAZIONE


Saranno sistemati:
a)N° 1 Radar/Chart Plotter , composto da : Display a colori 12”
Modulo Eko
Antenna GPS
Antenna Radome fino a 24 miglia
N° 1 trasduttore Eko/Log di tipo adeguato al materiale e alle forme dello scafo (tipo triducer)
b)N° 1 bussola magnetica provvista di omologazione RINA
c)N° 1 VHF di tipo marino, completo di dispositivo DSC, provvisto di omologazione RINA.
d)N° 1 Indicatore Vento, completo di trasduttore anemo/direzionale da testa d’albero, con cavo.

• APPARATI DI SEGNALAZIONE


Saranno sistemati:
a)n° 1 tromba singola, omologata RINA
b)n° 1 serie di fanali di navigazione regolamentari ed omologati, con quadretto di comando in timoneria.
c)Saranno previsti i necessari razzi e fuochi, come richiesto dai Regolamenti.

C. MOTORE


• PROPULSIONE


Saranno installati n°2 linee di propulsione ognuna composta da:
a)n°1 Motore Principale della potenza di circa 240 Hp.
b)b) n°1 riduttore/invertitore (frizione idraulica a dischi) con rapporto di riduzione 1:4-4,5 circa, da confermare dopo le opportune verifiche.
c) n°4 supporti antivibranti per MM.PP.
d) n°1 flangia di accoppiamento;
e) n°1 giunto elastico ;
f) n°1 asse portelica in acciaio inox di diametro regolamentare;
g) n°1 boccola idrolubrificata;
h) n°1 tenuta;
i) n°1 astuccio in alluminio saldato a scafo;
l) n°1 elica a 4 pale in bronzo, avvolta da mantello.
m)Un pannello strumenti ed indicazioni, che permetterà il controllo dei principali dati di funzionamento e allarme dei motori stessi.
I Motori saranno provvisti di Omologazione RINA (non Collaudo) e Certificati EIAPP,.

MARCA DEI MOTORI
I Motori saranno: SISUDIESEL/BONI/VALMET, mod. BV 6606 TSI, cilindrata 6,6 litri, 6 cilindri in linea, della Potenza Max Continuativa di circa HP 240 a 2200 rpm.
Sarà previsto il Telecomando dei Motori ed Invertitori dalla consolle Timoneria, tramite leve e sistema di cavi flex.

• AUSILIARI E TUBAZIONI A.M.


Saranno realizzati i seguenti impianti:
a)Impianto raffreddamento motori: per ogni motore, dotato di propria pompa trainata, sarà previsto un impianto di raffreddamento indipendente composto da una valvola di presa a mare, un filtro di presa a mare e valvole di intercettazione, scarico fuori bordo, mediante tubo scarico gas. Il collegamento ai motori sarà con giunti flessibili. Tubazioni in CuNi. L’impianto alimenterà anche il servizio di idrolubrificazione linea d’assi. Le prese a mare saranno tra loro collegate con traversa avente un diametro adeguato a non meno dell’80% della portata d’acqua necessaria per i due Motori.
b) Scarico gas motori: le linee dei gas di scarico dei motori di propulsione, di tipo bagnato, saranno dotate di marmitta, e saranno realizzate con materiale omologato dal RINA (tubazioni flessibili) ed in accordo con le indicazioni che saranno fornite dal costruttore dei motori stessi.

DISEGNI DI RIFERIMENTO

a)“Piano Generale”;
REGOLAMENTI APPLICATI E CERTIFICATI
a)“Regolamento ai fini del rilascio e del mantenimento delle Annotazioni di Sicurezza” del RINA;
b)I materiali/equipaggiamenti dovranno essere dotati di marchio timoncino, ove richiesto dalle Normative.

logonova

Richiedi Informazioni a:

info@workship.it



Cantieri Navali NOVA
VIA AURELIA 75/A
17047 VADO LIGURE (SV)

LUNGOMARE MATTEOTTI
7100 SAVONA

TEL: 019 881506
FAX 019 2165017
CELL 347.4126063

Note:
1) Il costruttore si riserva la possibilità di apportare  modifiche migliorative ai disegni di costruzione e/o alla progettazione generale dell'imbarcazione, proponendoli comunque sempre in contradittorio con il cliente.

2) Saranno accolte, inserite in progetto e portate a realizzazione tutte le eventuali richieste formulate dal cliente circa possibili modifiche ad ambiti e/o dotazioni dell'imbarcazione al fine di renderla il più possibile "personalizzata" rispetto alle esigenze di servizio.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu